news letter

01.jpg

Tesseramento

manifesto2018

Slideshow CK

This is a bridge
This bridge is very long
On the road again
This slideshow uses a JQuery script adapted from Pixedelic
insegnare
insegnare

 

Giovanni Casa è stato confermato segretario generale della Uiltucs di Catania, l’organizzazione Uil dei lavoratori di Turismo, Commercio e Servizi. È stato eletto al termine del congresso territoriale, che s’è svolto oggi – venerdì 23 - nella sala-convegni del “Grand Hotel Villa Itria” a Viagrande. La nuova Segreteria territoriale Uiltucs è composta anche da Roberto Tenio, Sergio Romano, Cono Minnì, Pietro Giordano e Saro Nicolosi. Tesoriere, Gaetano Coco.

Il congresso, cui hanno preso parte il segretario organizzativo nazionale Uiltucs Stefano Franzoni e le segretarie generali di Uiltucs Sicilia e Uil Catania Marianna Flauto ed Enza Meli, è stato aperto dalla relazione di Giovanni Casa. Dopo essersi soffermato sulla controversa condizione del settore commerciale catanese, Casa ha pure parlato di turismo “che in questa provincia non riesce ad assicurare il necessario contributo alla produzione di ricchezza del territorio perché si propone sul mercato con un approccio ancora istintivo e artigianale, senza pianificazione”. Il segretario della Uiltucs etnea ha, poi, definito “prioritari la difesa occupazionale nel Terziario, che difficilmente nel 2018 mostrerà a Catania segni significativi di ripresa”.

Il segretario nazionale Uiltucs Stefano Franzoni, citando lo “sciopero di Natale” che vide la massiccia partecipazione dei lavoratori della Grande Distribuzione, non ha escluso nuove iniziative di protesta nei giorni di Pasqua: “Le imprese continuano ostinatamente a evitare il rinnovo del contratto. Devono applicare l’accordo raggiunto con la Confcommercio, altrimenti diano segnali concreti per fare un nuovo contratto”. Franzoni ha aggiunto: “La situazione è difficile, non solo perché si stenta a vedere la ripresa ma anche per uno stato delle relazioni sindacali che mostra diverse crepe. Abbiamo rinnovato alcuni contratti in queste settimane, ma molti restano da fare per assicurare certezza del diritto e recupero salariale ai lavoratori”. La segretaria generale della Uiltucs Sicilia, Marianna Flauto, ha invece sottolineato “la necessità di affrontare nel Terziario l’ormai annosa situazione degli appalti e trovare soluzioni perché il criterio del massimo ribasso mette a rischio centinaia di posti di lavoro e tantissime imprese sane”. “Oggi – ha aggiunto Marianna Flauto – le istituzioni siciliane brillano per il loro silenzio. Siamo pronti, quindi, a proclamare uno sciopero generale di tutti i settori interessati alle gare pubbliche per manifestare dinanzi a Palazzo d’Orleans, sede della Presidenza della Regione”. Nel suo intervento, infine, la segretaria della Uil Enza Meli s’è detta “orgogliosa della Uiltucs catanese che dimostra quanto sia forte la voglia di sindacato anche tra i giovani, anzi soprattutto tra i giovani che rischiano di essere travolti dai nuovi barbari del mercato del lavoro, se restano isolati”. “Con la Uil, con la Uiltucs, nessuno è solo!”, ha concluso Enza Meli ricordando “l’esaltante manifestazione del 22 dicembre dinanzi ai centri commerciali per chiedere in Italia e a Catania, particolarmente a Catania, il rispetto di diritti elementari negati a migliaia di lavoratori della grande distribuzione”.

 

6A9A8819rid

Enza Meli

UIL Catania.

Biografia

Interventi

Gruppo dirigente

La UIL di Catania è anche su Facebook seguici :facebook

Concorso fotografico

Discriminazioni

Eventi

Nessuna evento nel calendario
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Area Riservata UIL