"Catania, un triste record. Primi in Sicilia a giugno per ore autorizzate di Cassa integrazione: un milione231 mila. Chissà che di questo segnale di ripresa-che-non-c'è, ma soprattutto di possibili soluzioni concrete, non si possa parlare alla Festa nazionale del Pd. Magari alla presenza del premier-segretario Matteo Renzi. Fa piacere notare tante attenzioni per il nostro territorio, purché producano risultati!". Lo afferma il segretario generale della Uil, Fortunato Parisi, commentando il sesto Rapporto sulla Cassa integrazione guadagni in Italia appena diffuso dal Servizio nazionale Uil Politiche del Lavoro e della Formazione, guidato da Guglielmo Loy.
Nel dettaglio, il mese scorso sono state 36 mila481 le ore di Cassa ordinaria-Cigo, un milione 192 mila940 quelle di straordinaria-Cigs. Mille648 la Cassa in deroga. Nel confronto con maggio è aumentata del 56.1 per cento la Cigo, del 225.6 la Cigs, mentre è diminuita del 9.5 la Cig in deroga. Totale, più 214.4 per cento: "Non deve sorprendere il boom della Cassa straordinaria - dice Fortunato Parisi - perché ciò rivela, ancora una volta, quanto siano sempre più numerose nel nostro territorio le aziende in fase terminale. La Cigs, inoltre, cresce perché è la meno "toccata" da quella revisione degli ammortizzatori sociali che la Uil, con il suo leader Carmelo Barbagallo, continua a definire sbagliata e carica di incognite per i lavoratori. Basti pensare alle nuove procedure di accesso alla Cigo, che hanno rallentato il ricorso a questo ammortizzatore. Eppure, calcoliamo che nel solo mese di giugno la Cassa ha salvaguardato 17 mila 683 posti di lavoro in Sicilia, di cui ben 7241 a Catania!".
Estremamente significativi nel Rapporto del "Sindacato dei Cittadini" anche i dati semestrali. Tra gennaio e giugno 2016, rispetto allo stesso periodo del 2015, la Cassa integrazione a Catania è complessivamente cresciuta del 17,6 per cento: più 31.1 l'ordinaria con 750 mila828 ore autorizzate, più 8.4 la straordinaria (2 milioni 104 mila170). In crescita del 152.4 per cento la Cassa in deroga, 187 mila793 le ore. "Sul totale - dichiara il segretario generale della Uil etnea - l'incidenza della Cassa straordinaria è preponderante e, dobbiamo ribadire, non è un fatto positivo. Senza investimenti strutturali, che non vediamo tranne qualche annuncio fumoso, Catania è destinata ad avvitarsi in una crisi senza precedenti per durata e conseguenze sociali. Offriamo disponibilità al confronto e proposte, continuiamo a raccogliere vuote parole che non riducono la fame di lavoro dignitoso nel nostro territorio".

"Avevamo contestato i ritardi della politica, che ancora una volta hanno penalizzato lo Stabile di Catania, e auspicato l'immediato insediamento del commissario nell'ente teatrale. Adesso che questa insopportabile fase di vuoto gestionale è stata finalmente superata, assicuriamo a Giorgio Pace massima disponibilità al confronto nell'interesse dei lavoratori e degli artisti del Teatro che da troppo tempo sopportano assieme alle proprie famiglie sacrifici enormi". Lo affermano i segretari generali di Uil e UilCom Catania Fortunato Parisi e Giovanni Nicotra insieme con il segretario provinciale UilCom Salvo Orlando che aggiungono: "Con grande senso di responsabilità, lavoratori e artisti hanno resistito dimostrando professionalità e passione. Siamo certi che il commissario opererà per assicurare presente e futuro a un'istituzione culturale di cui Catania e la Sicilia non possono fare a meno".

"L’incontro di oggi alla StM di Catania tra rappresentanti sindacali RSU e Direzione si e’ concluso con un nulla di fatto. Malgrado i gravissimi problemi sollevati e la significativa partecipazione dei lavoratori a uno sciopero che si protrae ormai dal primo luglio, i vertici dello stabilimento StM mantengono un inspiegabile atteggiamento di chiusura. Facciamo nuovamente  appello all'amministratore delegato di StM Italia, Carmelo Papa, affinché intervenga e ristabilisca nel sito catanese normali rapporti sindacali, ormai da tempo logori". Lo comunica la Segreteria provinciale Uilm, guidata da Matteo Spampinato, che contesta fra l'altro la decisione aziendale di prevedere la domenica mattina l'impiego discrezionale dell'intera forza lavoro, malgrado il  blocco degli straordinari proclamato da Fim, Fiom e Uilm a livello nazionale per il mancato rinnovo del contratto nazionale di lavoro e l’accordo dei 21 turni siglato a Catania. La Segreteria territoriale Uilm conclude: "Nonostante la nostra disponibilità al confronto e la nostra ricerca di soluzioni per individuare un percorso che possa portare alla definizione della vertenza, il capo del personale ha voluto chiudere la porta a ogni trattativa. Siamo sempre in attesa di risposte concrete, fino a quel momento la nostra protesta non si fermerà".

“La Regione attraverso l'Istituto per lo sviluppo delle Attività produttive-Irsap ha destinato appena 2 milioni 303 mila euro, su 50 complessivamente disponibili, alla riqualificazione della rete viaria nella zona industriale di Catania. E zero per l'ex Asi di Caltagirone, malgrado fosse stata dichiarata appena un anno fa dallo stesso Irsap la “pubblica utilità, indifferibilità e urgenza” del progetto di asse di spina per l'area attrezzata di Mazzarrone. Si rinnova così lo scandalo delle “zone industriali-fantasma” di Catania e Caltagirone, che la Uil ha ripetutamente denunciato in passato!”. Lo afferma il segretario generale della Uil di Catania, Fortunato Parisi, che commenta: “Così, si negano opportunità di crescita e occupazione al nostro territorio. Ecco una buona occasione, la prima, perché la Città Metropolitana di Catania con Enzo Bianco assieme agli altri sindaci faccia sentire la propria voce nei Palazzi, a Palermo, auspicando che altrettanto facciano i rappresentanti del nostro territorio all'Ars”. Fortunato Parisi aggiunge: “In maggio, la giunta Crocetta ha deliberato il quadro d'interventi del Patto per la Sicilia che prevede per l'infrastrutturazione e la riqualificazione ambientale delle Aree industriali una spesa totale di 119 milioni. Di questi, 50 milioni sono alla voce Fsc-Patto per la Sicilia. Di recente, l'Irsap ha ripartito questa somma per ex Asi. Venti i finanziamenti previsti, soltanto uno sarà finalizzato a Catania per poco più di 2 milioni. Magari, adesso, diranno che mancavano progetti esecutivi. Regione e Irsap indichino le responsabilità di questa carenza e spieghino i correttivi. Certo è, però, che un progetto esisteva e che è stato ignorato per ragioni fino a questo momento incomprensibili: si tratta dell'asse viario “indifferibile e urgente” da realizzare nell'Area di Caltagirone-Mazzarrone”. Il segretario generale Uil conclude: “Queste ultime “dimenticanze” della Regione, il fatto che Catania e Caltagirone siano ancora una volta trattate come aree industriali-fantasma, sono un'altra dimostrazione del fallimento della riforma delle Asi voluta dal presidente Crocetta. Un inutile, improduttivo e dannoso accentramento di risorse. La risposta deve arrivare dai rappresentanti del territorio, in primo luogo dalla Città Metropolitana di Catania. Enzo Bianco convochi i colleghi sindaci. Accanto a loro, ne stiano certi, troveranno la Uil perché mai come adesso abbiamo bisogno di fatti concreti. Non di parole e parate!”.

"Lo sfratto dello Stabile dal teatro Musco e' un altro preoccupante segnale dell'agonia di un'istituzione culturale catanese e siciliana. Nell'attuale, desolante, vuoto gestionale determinato dalle dimissioni del presidente dell'ente e dai ritardi nell'insediamento del commissario, chiediamo che intervenga subito il sindaco Enzo Bianco per individuare margini di trattativa con la famiglia proprietaria della sala di via Umberto e, soprattutto, per assicurare futuro allo Stabile". Lo affermano il segretario generale della Uil di Catania, Fortunato Parisi e il segretario territoriale Uilcom, Giovanni Nicotra, commentando la notizia della notifica di sfratto esecutivo per il Teatro Stabile da una delle sue storiche sedi. Parisi e Nicotra aggiungono: "Malgrado la drammatica situazione che vivono ormai da anni, pure oggi i lavoratori dello Stabile si erano recati al lavoro ma sono stati costretti a lasciare il Musco per l'intervento dell'ufficiale giudiziario. Una nuova umiliazione, che certo non meritano! Per loro, per quelle donne e quegli uomini che sinora hanno tenuto in piedi lo Stabile a dispetto di chi lo ha affossato, rivendichiamo iniziative concrete e certezze. La politica, poi, rimedi ai molti guasti prodotti con uno scatto d'orgoglio e senza ulteriori perdite di tempo. E' inaccettabile, ad esempio, che l'ente teatrale debba affrontare queste ore drammatiche in assenza di vertici solo perchè la nomina del commissario straordinario, Giorgio Pace, dev'essere ancora ratificata dalla Prima commissione dell’Assemblea regionale".

Sottocategorie

parisi sito

Fortunato Parisi

UIL Catania.

Biografia

Interventi

Gruppo dirigente

La UIL di Catania è anche su Facebook seguici :facebook

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Area Riservata UIL